La trama

Roma, 1505.
In un cupo sotterraneo di Castel Sant’Angelo, Niccolò Machiavelli fa visita a un prigioniero spagnolo, Michele Corella.
Il suo corpo è stato devastato dalla tortura, ma la sua mente ancora vigile e colma di ricordi trascina il letterato in un viaggio nel tempo, sulle tracce di un’avventura tanto grandiosa quanto effimera, l’ascesa e la caduta di un uomo, Cesare Borgia, all’ombra del quale il narratore ha vissuto, custode e araldo di un sogno non suo.
Le vicende della famiglia Borgia viste attraverso gli occhi di Corella si susseguono nel’arco di 13 anni di guerre, intrighi, matrimoni, delitti, dove gli uomini e le donne emergono in una galleria di caratteri che trascende la storia stessa, riportando personaggi celebri al ruolo di comuni mortali con la loro grandezza e la loro miseria.
Alla fine, non più protetto dal nome dei Borgia, non più tenuto a proteggere la loro ambizione, Corella dovrà fare i conti con la propria vita e le proprie scelte.

 

Leave a Reply