Recensione: Aquila Reale su Penna d’oro

copertina_def

Fonte

Cari lettori,
oggi voglio invitarvi a leggere una biografia narrata con maestria attraverso un percorso ricco di personaggi, eventi, alleanze e giochi di potere. Si tratta di
“Corella. L’ombra del Borgia” 
di Federica Soprani, Edizioni Mondoscrittura per la Collana “La Macchina del tempo”.
 
STILE: 10

STORIA: 9
COPERTINA:9
Siamo nel 1505, Castel Sant’Angelo, le prigioni:

“Le pareti della cella stillavano un’umidità antica, che precipitava in gocce fredde sul pavimento. Acqua sporca, gravida di ogni sozzura accumulata ai piani superiori, che laggiù si raccoglieva in pozzanghere maleodoranti, incapace di cadere più in basso”.

 …”Che cosa vi hanno fatto povero Michele?”

Inizia così il romanzo di Federica Soprani che narra di un’anima divisa tra l’amore per la letteratura, per la poesia e l’ammirazione incondizionata verso i Borgia, in modo particolare verso Cesare Borgia. Si tratta di Corella, si tratta di un incontro tra Cesare e Michele che avrebbe segnato le loro vite caratterizzate da passioni e morte.

 

“E sia come dici, Michele Corella, tu che con le parole convinceresti il diavolo a consegnarti le chiavi dell’inferno. Io sarò tutto ciò che vorrò essere e tu sarai con me, al mio fianco, in terra, in cielo o ovunque i miei passi mi porteranno”.

Micheletto è un freddo e spietato esecutore di ordini, un anticipatore dei desideri di vendetta di una famiglia potente, è il “sicario umanista”. Micheletto è soprattutto un uomo che ha abbandonato i propri sogni per seguire un sogno non suo, vivendo all’ombra di altri. Il suo “signore” è Cesare Borgia, uomo impulsivo, egoista, privo di scrupoli, assetato di potere.

Corella è l’ombra che tutti conoscono e temono, è l’uomo senza remore, ma è anche una persona che ama, che prova sentimenti forti riuscendo a segregarli in un angolo del suo cuore di cui la “Morte” non possiede le chiavi. Micheletto ama Lucrezia Borgia “struggendosi per un ideale puro e irraggiungibile” e desidera Caterina Riario Sforza perché lei “dava voce e forma al desiderio della carne. Era l’anelito dell’anima che si confondeva, nell’oblio dei sensi…”
Caterina donna forte e coraggiosa con idee ben solide:

“Posso solo augurarmi di essere d’esempio per altre donne che verranno dopo di me. Costrette a rammollirsi nel latte dell’apparente rassegnazione femminile, mentre i loro mariti e padri compiono le più ignobili angherie”.

Tra alleanze, assedi e scontri cruenti, il sogno di Cesare sembra avverarsi: edificare in Romagna un proprio regno è ciò che desidera, nulla e nessuno lo può fermare. Nessuno? Il giorno in cui muore il Papa Alessandro VI, suo padre, è l’inizio della fine per i Borgia. Tutti voltano le spalle alla famiglia Borgia, tutti tranne Corella di cui Machiavelli tesse le lodi dicendo:

“Ci vuole un gran coraggio a seguire i propri sogni, a giocare il tutto per tutto per realizzarli, ma ce ne vuole ancora di più a mettere in gioco la propria stessa esistenza in nome di un sogno non nostro”.

Senza alcun dubbio Michele ha, in piena libertà, fatto le sue scelte di vita basandosi su una fiducia e una fede in Cesare, senza limiti. Anche quando, in prigione, Micheletto viene torturato affinchè rivelasse notizie preziose su Cesare, egli tace. In cuor suo sa che non avrebbe mai rinnegato un solo si pronunciato in nome dei Borgia. Tradire “il suo signore” avrebbe significato tradire se stesso, la propria esistenza.

Questo romanzo, ammalia il lettore, lo guida attraverso i meandri dell’animo umano dove si nascondono sopite verità. L’autrice, con penna mirabile, conduce un’investigazione psicologica che vuol farci conoscere “il boia del Valentino” sotto un altro aspetto. Mi piace l’uso superbo che Federica fa dell’aggettivazione, mostrando una padronanza di linguaggio davvero notevole. Le descrizioni, mai banali, affascinano e le parole sono scelte con cura per creare una cornice perfetta di un ritratto difficile, infatti poco si sa di Corella. Si percepisce subito, nella cura dei dettagli, un profondo e preciso lavoro di ricerca che l’autrice ha svolto, con amore, tra la documentazione storica.
Tuttavia la scrittrice non si è limitata a riportare notizie certe, sul canovaccio del reale ha intrecciato i fili della sua immaginazione creando un affresco storico emotivamente coinvolgente. Anche se nulla sapete dei Borgia, questo romanzo vi farà vivere momenti di dolcezza intercalati dalla violenza. E’ la Storia del passato che rivive nel presente con sentimenti vivi e struggenti a dimostrazione del fatto che la Storia è un racconto senza tempo.
“Corella” è il vincitore della prima edizione del Premio Letterario Mondoscrittura. Vorrei, anche, farvi notare la cover del libro: un’immagine suggestiva che ben rispecchia la personalità dello sgherro Corella. Complimenti a Monia Zanetti autrice dell’illustrazione.
Ora vi lascio salutandovi come farebbe l’illustre Federica:
“Madonne e Messeri,

onori e ossequi”.

Leave a Reply